AIDS, ‘cancellato’ HIV da paziente sieropositivo: “Non c’è traccia del virus”

102

Dopo un trapianto di midollo osseo da un donatore con una mutazione che offre resistenza all’HIV, un uomo britannico è stato completamente liberato dal virus. 

È il secondo caso al mondo dopo quello celebre del “paziente di Berlino”, trattato con una tecnica simile oltre 10 anni fa. 

Per i medici, tuttavia, il “paziente di Londra” non è ancora guarito. 

Con una simile tecnica non sarà dunque possibile curare i 37 milioni di pazienti affetti da AIDS, ma sono state gettate le basi per una nuova terapia sostenibile: “Non abbiamo curato l’HIV, ma questi risultati ci fanno sperare che un giorno sarà possibile eliminare il virus”, ha dichiarato alla Reuters la professoressa Sharon Lewin, esperta del Doherty Institute australiano e dirigente del comitato consultivo per la ricerca sulle cure della International AIDS Society.

Sostieni Cattolici Online ❤️ Fai la tua Donazione

DONAZIONE LIBERA

Informazioni Personali

Totale Donazione: 5,00€

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome

Devi accettare la Privacy Policy prima di commentare.