Torino Superga: I Servi Maria lasciano, la Basilica resta senza messa

105
Superga

Dopo 57 anni i Servi di Maria lasciano la Basilica di Superga, capolavoro Settecentesco dello Juvarra e luogo di sepoltura dei membri di Casa Savoia. Padre Mario celebrerà domani mattina l’ultima messa nella Chiesa sulla collina di Torino famosa anche per la tragedia aerea in cui nel 1949 persero la vita Valentino Mazzola e gli altri Invincibili. Poi non ci sarà più nessuno ad occuparsene. E il futuro è una incognita.

Non vuol dire che la basilica chiuderà, ma chissà…“, lancia l’allarme Emanuele Giletti, diacono e fratello del presentatore televisivo Massimo, a cui le sorti della Basilica stanno particolarmente a cuore. “E’ dal 2013 che i Servi di Maria – spiega – denunciano la situazione. Immagino che la sua gestione passerà alla Curia, che non potrà lasciare la Basilica chiusa, e il Museo alla Soprintendenza. Ma, appunto, chissà…“.

Alla base di quella che Giletti definisce una “storia amara” ci sono la “tragica mancanza di vocazioni e di attenzione da parte di tutti”. Negli ultimi decenni a gestire la Basilica erano rimasti tre padri Serviti: Padre Venanzio, 91 anni, trasferito a Genova dove è tuttora operativo, padre Benedetto Marengo, morto alcuni anni fa, e appunto padre Mario. (ANSA).

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome

Devi accettare la Privacy Policy prima di commentare.