Antichissima orazione-scongiuro conosciutissima in tutta la Sicilia, “lu verbu”

7910
Antichissima orazione-scongiuro conosciutissima in tutta la Sicilia, “lu verbu”

LU VERBU SACCIU

è una orazione ritenuta un potente rimedio contro nemici, mala morte, tentazioni e catastrofi di ogni genere.
Veniva tramandata da nonna a nipote, da madre a figlia, da comare a comare e una volta imparata bisognava recitarla per tutta la vita e per tre volte al giorno, perché cosi impone l’orazione stessa.

IL VERBO CONOSCO

La parola di Dio conosco 
e quella debbo recitare, il Verbo 
di Nostro Signore fattosi carne 
sopra un tronco di croce 
dovette morire 
per salvare noi peccatori.

La croce come è alta e quanto è bella 
un braccio arriva in cielo 
e un l’altro in terra.

Alla valle di Gesù piccoli 
e grandi dobbiamo incontrarci
 Davanti a tutti San Giovanni 
che legge un libro d’oro nelle mani.

Signore perdonate 
questi poveri peccatori 
o Giovanni, come debbo perdonarli 
che peccano di Pasqua e di Natale?

Ho dato loro il confessore 
non si vogliono confessare,
ho dato loro il predicatore 
non lo vogliono ascoltare 
Vo…. vadano all’inferno infernale.

Risponde Maria e dice: chi lo dice 
tre volte a letto non avrà paura di incubi 
chi lo sa e non lo dice 
vedrà la sua anima bruciare nella pece 
chi lo sa e non lo imparerà
 cento lapidi di fuoco avrà.

LU VERBU SACCIU
(tradizionale)

Lu Verbu sacciu, lu Verbu
haiu a diri, lu Verbu ‘ncarni
di Nostru Signuri.
Dintra un truncu di cruci
‘happi a muriri
pi sarvari a nuatri piccaturi.
A Cruci quant’è arta e quant’é bella,
un vrazzu arriva ncelu
e l’autru ‘nterra.
A la valli di Gesu và picciuli
e ranni hamu a essiri ddà.
San Giuanni avanti avanti
cu un libru d’oru ‘nta li manu ca liggia.
Signuri pirdunatili sti poviri piccaturi!
Giuvanni, comu l’haiu a pirdunari
ca peccanu lu Pasqua e lu Natali?
C’haiu datu lu cunfissuri
nun si vonnu cunfissari,
ci haiu datu lu pridicaturi
nun lu vonnu ascutari,
Vo… sia a l’infernu nfernali.
Rispunni Maria e dici:
cu lu dici tri voti a lettu
non aviri paura di fiddettu
cu lu sapi e nun lu dici
l’armuzza sua nni la pici
cu lu sapi e nun lu ‘mparirà
centu balati di focu avrà

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome

Devi accettare la Privacy Policy prima di commentare.