- Pubblicità -

“Vogliamo sapere perché un ragazzo che va in vacanza deve morire su un ponte che crolla”: è tutto nelle parole di Roberto Battiloro il senso della tragedia del Ponte Morandi dove, il 14 agosto 2018, suo figlio Giovanni ha perso la vita insieme ad altre 42 persone.

O nelle parole di Rosa Esposito – “L’Italia uccide” – la sorella di Gerardo, anche lui morto in macchina insieme a Giovanni, Antonio Stanzione e Matteo Bertonati, tutti di Torre del Greco, partiti per andare in vacanza.

A un anno dal crollo del Ponte Morandi, Fanpage racconta quella giornata attraverso le voci di due familiari delle vittime, di tre sopravvissuti – il vigile del fuoco e allenatore delle giovanili del Genoa Davide Capello,  Eugeniu Babin e Natasha Yelina, la coppia residente in provincia di Caserta che andava in Francia per le vacanze – e dei vigili del fuoco che li hanno salvati.

Sostieni Cattolici Online ❤️ Fai la tua Donazione

DONAZIONE LIBERA

Informazioni Personali

Totale Donazione: 1,00€

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome