Le due case. Costruisci la tua casa sulla roccia

97
Costruisci la tua casa sulla roccia

Le due case

«Perciò chiunque ascolta queste mie parole e le mette in pratica sarà paragonato a un uomo avveduto che ha costruito la sua casa sopra la roccia.

La pioggia è caduta, sono venuti i torrenti, i venti hanno soffiato e hanno investito quella casa; ma essa non è caduta, perché era fondata sulla roccia.

E chiunque ascolta queste mie parole e non le mette in pratica sarà paragonato a un uomo stolto che ha costruito la sua casa sulla sabbia.

La pioggia è caduta, sono venuti i torrenti, i venti hanno soffiato e hanno fatto impeto contro quella casa, ed essa è caduta e la sua rovina è stata grande».

Matteo 7:24-27

Siamo alla conclusione del “Discorso della Montagna” .

Gesù confronta l’adesione sincera alla sua parola o il suo rifiuto a due immagini antitetiche: quella della costruzione della casa da parte della persona saggia e quella da parte della persona stolta. I contrapposti esiti della loro impresa richiamano le conseguenze dell’alleanza di Dio con Israele, la quale, secondo molteplici attestazioni dell’Antico Testamento, si conclude sempre con le benedizioni e le maledizioni comportate dalla fedeltà o infedeltà al patto.
Qui benedizione e maledizione, salvezza e rovina, non intervengono però dall’esterno, ma sono piuttosto il manifestarsi della diversa consistenza dell’agire umano e del fondamento su cui esso poggia.

Certamente è più faticoso costruire sulla roccia , mentre è assai più rapido e comodo edificare su distese pianeggianti di sabbia, ma le costruzioni erette su un tale territorio friabile e prive di fondazioni sono destinate ad essere spazzate via dagli acquazzoni e dal vento.

Assolutamente decisiva risulta dunque la qualità, la solidità del fondamento su cui i credenti in Cristo Gesù sono chiamati ad appoggiare le loro scelte di vita.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome

Devi accettare la Privacy Policy prima di commentare.