Viviana Parisi temeva che i servizi sociali le allontanassero il figlio Gioele

688
Viviana Parisi temeva che i servizi sociali le allontanassero il figlio Gioele

L’avvocato della famiglia: “Era morbosamente legata a Gioele. Non mi convince l’ipotesi della morte nell’incidente”

Viviana Parisi era preoccupata che i servizi sociali potessero allontanarle il figlio Gioele.

la ragione?
L’avvocato di famiglia Claudio Mondello ha spiegato al Corriere della Sera:
Perché era stata due/tre volte in ospedale per problemi di carattere mentale”.

“I messaggi di Daniele in quei giorni di ricerche avevano proprio lo scopo di tranquillizzarla: non preoccuparti Viviana che non lo perdi”,spiega l’avvocato che è anche cugino di Daniele Mondello, marito della dj scomparsa  il 3 agosto e ritrovata cinque giorni dopo senza vita, a un chilometro e mezzo dal luogo dell’incidente.

Secondo il legale  c’è un limite che Viviana avrebbe sicuramente rispettato:

“Quello della morte di Gioele o di un grave ferimento nell’incidente. In quel caso, ne sono sicuro, Viviana avrebbe chiesto aiuto, si sarebbe messa a urlare perché la salute del bambino aveva la precedenza su tutto. Non l’avrebbe portato via. Lei era morbosamente legata a Gioele. Non mi convince l’ipotesi della morte nell’incidente”.

Di Gioele non si ha purtroppo ancora nessuna notizia.

Abbiamo creato uno nuovo spazio di PREGHIERA 🙏

Invia la tua richiesta di Preghiera

Pregate per me! Un gesto semplice che da secoli aiuta gli uomini ad illuminare la speranza per qualcosa o a ricordare qualcuno. Un gesto semplice, per dire una preghiera, per ricordare la memoria di un nostro Caro, per chiedere aiuto se si è in difficoltà, per ringraziare un grazia ricevuta … Un modo per illuminare il nostro cuore e iniziare un nuovo giorno. (Clicca su Prega per me)

Sostieni Cattolici Online ❤️ Fai la tua Donazione

DONAZIONE LIBERA

Informazioni Personali

Totale Donazione: 5,00€

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome

Devi accettare la Privacy Policy prima di commentare.