giovedì, Giugno 20, 2024

Notizie Cattoliche Online

Nostradamus: Il Mistero delle...

Nostradamus: Profeta o Visionario? Un'Analisi delle Sue Profezie e del Loro Esito. Quando si...

Variante Covid KP.2: La...

KP.2: Una Nuova Sfida Nell'Era Covid-19 Negli USA, l'emergere della variante KP.2 di Covid-19...

La Storia e il...

1° Maggio: Lavoro, Solidarietà e Futuro. Ogni anno, il 1° maggio si celebra la...

Le Maschere dell’Amicizia: Opportunismo...

Amicizie di Convenienza: Il Prezzo dell'Opportunismo. In un mondo di maschere lucide e sorrisi...
HomeApprofondimentiDialogo tra Santi:...

Dialogo tra Santi: Wojtyla e Pio da Pietrelcina

- Advertisement -
- Advertisement -

Novembre 1962. Il Vescovo polacco Karol Wojtyla, Vicario capitolare di Cracovia, è a Roma per il Concilio Vaticano II. Gli arriva una comunicazione urgente: la professoressa Wanda Poltawska, sua amica e collaboratrice, è in fin di vita per un cancro alla gola. Wanda è madre di quattro bambine. Insieme al marito, medico Andrzen Poltawsky, ha fiancheggiato il Vescovo in importanti iniziative a favore della famiglia nella Polonia comunista.

- Advertisement -

Ora i medici non le danno più nessuna speranza, quasi non osano intervenire con un’operazione chirurgica, inutile. Il Vescovo Karol Wojtyla, il 17 novembre, scrive una lettera urgente in latino a una santa persona che conosce da quando, giovane sacerdote, era andato a confessarsi da lui a San Giovanni Rotondo.

- Advertisement - crossorigin="anonymous">

Gli scrive: «Venerabile Padre, ti chiedo di pregare per una madre di quattro ragazze, che ha quarant’anni e vive a Cracovia, in Polonia.

- Advertisement -

Durante l’ultima guerra fu per cinque anni nei campi di concentramento in Germania e adesso si trova in gravissimo pericolo di salute, anzi di vita, a causa di un cancro. Prega affinché Dio, con l’intervento della Beatissima Vergine, mostri misericordia a lei e alla sua famiglia». La lettera, da un Cardinale italiano, viene consegnata nelle mani del commendatore Angelo Battisti, dipendente del Vaticano e amministratore della Casa Sollievo della Sofferenza a San Giovanni Rotondo. Sollecitato a far presto, il Battisti sale sulla sua automobile.

«Partii immediatamente», ricorda. È una delle pochissime persone che può avvicinare il Padre in qualsiasi momento, anche se il religioso deve osservare le restrizioni ordinate dall’Amministratore Apostolico mons.

Carlo Maccari. «Appena arrivato in Convento, il Padre mi disse di leggergli la lettera.

Ascoltò in silenzio il breve messaggio latino, poi disse: “Angiolì, a questo non si può dire di no”».

Clicca sulla foto di questo Angioletto ti porterà a trovare la Tua preghie
Clicca sulla foto di questo Angioletto ti porterà ad approfondire L’argomento
- Advertisement -

Iscriviti alla nostra newsletter per restare sempre aggiornato/a

Altri articoli

Preghiera a Padre Pio: “Ho tanto bisogno di Te”

O diletto figlio di San Francesco d’Assisi, che fosti chiamato da Dio a percorrere la via stretta dei consigli evangelici e ad assimilarti, ogni giorno, al mistero del Cristo Crocifisso, ora che godi della visione beatifica di Dio concedi...

Papa Francesco: “ al momento non ho intenzione di lasciare”

“AL MOMENTO NON HO INTENZIONE DI LASCIARE...”  IN UN’INTERVISTA A UN’EMITTENTE LATINOAMERICANA PAPA FRANCESCO FA SAPERE CHE "IN FUTURO LE DIMISSIONI DI UN PONTEFICE ANDRANNO DELINEATE UN PO’ MEGLIO”  BERGOGLIO HA AGGIUNTO CHE, SE MAI FACESSE UN PASSO INDIETRO,...

L’ultimo regalo di una mamma al figlio prima di morire: “Un libro per ogni futuro compleanno”

Laura le ha provate tutte pur di sconfiggere il male - scoperto ad ottobre - ma nulla è servito. E' deceduta lo scorso martedì nel suo letto Una toccante storia arriva dalla Toscana. Un libro per ogni futuro compleanno del...