Viviana Parisi, parlano gli operai: «Abbiamo sentito lo stridio dei freni, poi l’urto». Daniele:«Hanno pensato al traffico e non a mia moglie»

158
Viviana Parisi, parlano gli operai

Daniele:«Hanno pensato al traffico e non a mia moglie»

I due operai coinvolti nell’incidente nella galleria Turdi, a Caronia, in Sicilia hanno dichiarato: «Abbiamo sentito lo stridio degli pneumatici poi l’urto violento»,  spiegano gli operai «Abbiamo sbandato e urtando il marciapiede sono scoppiati i pneumatici»

Sull’incidente restano ancora molti misteri. I periti incaricati della famiglia Parisi- Mondello sostengono che sarebbe stato il mezzo degli operai ad aver urtato la vettura della donna, invece gli operai sostengono il contrario.

Dopo l’urto Viviana si sarebbe allontanata con il figlio, non sono ancora note le condizioni fisiche dei due, secondo i primi rilievi Gioele probabilmente non era seduto nel suo seggiolino al momento dell’urto, quindi avrebbe potuto essersi ferito anche gravemente.

Gli operai hanno dichiarato che si sarebbero subito occupati di gestire il traffico, Daniele Mondello marito di Viviana si domanda: «Non riesco a capire come gli operai dopo l’incidente, invece di occuparsi di mia moglie e mio figlio, si siano occupati del traffico».

Daniele insieme a tutta la famiglia a un mese dal ritrovamento di Viviana e Gioele continuano a creare di capire quali siano state le cause della tragedia.

Abbiamo creato uno nuovo spazio di PREGHIERA 🙏

Invia la tua richiesta di Preghiera

Pregate per me! Un gesto semplice che da secoli aiuta gli uomini ad illuminare la speranza per qualcosa o a ricordare qualcuno. Un gesto semplice, per dire una preghiera, per ricordare la memoria di un nostro Caro, per chiedere aiuto se si è in difficoltà, per ringraziare un grazia ricevuta … Un modo per illuminare il nostro cuore e iniziare un nuovo giorno. (Clicca su Prega per me)

Sostieni Cattolici Online ❤️ Fai la tua Donazione

DONAZIONE LIBERA

Informazioni Personali

Totale Donazione: 5,00€

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome

Devi accettare la Privacy Policy prima di commentare.