L’uso iniquo della ricchezza: riflessione

73
L’uso iniquo della ricchezza

La parabola del povero Lazzaro e il ricco epulone

L’uso iniquo della ricchezza

Uomo un tale era ricco e vestiva porpora e bisso facendo festa ogni giorno splendidamente.

Povero ora un tale chiamato Lazzaro giaceva alla porta di lui piagato
e desiderante di sfamarsi con le cose cadenti dalla tavola del ricco; e tuttavia i cani venendo leccavano le piaghe di lui.

Avvenne poi morì il povero e fu portato lui dagli angeli nel seno di Abramo; morì poi anche il ricco e fu sepolto.

E nell’Ade alzati gli occhi di lui, essendo fra tormenti, vide Abramo da lontano, e Lazzaro nel seno di lui.

Ed egli gridando disse: “Padre Abramo, abbi pietà di me e manda Lazzaro perché immerga la punta del dito di lui in acqua e rinfreschi la lingua di me, perché sono tormentato nella fiamma questa”.

Disse ora Abramo: “Figlio, ricorda che hai ricevuto le cose buone di te nella vita di te, e Lazzaro similmente le cose cattive; ma ora qui è consolato, tu invece sei tormentato.

E in tutte queste cose fra noi e voi abisso grande è stato posto, così che i volenti passare di qua da voi non possono, né di là da noi attraversano”.

Disse allora: “Prego te, dunque, Padre, che mandi lui alla casa del padre di me; ho infatti cinque fratelli, affinché scongiuri loro, perché non anch’essi vengano nel luogo questo di tormento”.

Dice allora Abramo: “Hanno Mosè e i Profeti; ascoltino loro”.

Egli ma disse: “No, padre Abramo, ma se qualcuno da morti viene a loro, si convertiranno”.

Disse allora a lui: “Se Mosè e i Profeti non ascoltano, neppure se qualcuno da morti risorgesse sarebbe convinti”.

Riflessione

La parabola del ricco epulone è il vertice dell’insegnamento di Gesù su ricchezza e povertà.

Poco prima il Signore ci inviatati i suoi discepoli ad usare le ricchezze per guadagnarsi amici che li accolgano nel Regno di Dio , consiglio non accolto dal ricco epulone.

Per capire bene la parabola è importante dire subito che il personaggio chiave è proprio il ricco, non il povero Lazzaro.

Se il personaggio centrale fosse il povero, la parabola verrebbe ad essere l’invito ai poveri a sopportare con pazienza e speranza la loro sorte, come fece Lazzaro, vedendo quale sorta gloriosa li aspetta nell’aldilà.

Ma il vero protagonista è il ricco, per farci capire che l’insegnamento è l’uso iniquo della ricchezza. Il problema non sono le ricchezze in se stesse, quanto l’uso di queste.

La parabola, quindi, non è un commento a «beati i poveri», ma «guai ai ricchi» (cfr Lc 6, 24-25). Nello sfondo del racconto sta in particolare l’avarizia dei farisei, amanti del denaro, secondo quanto detto poco prima (cfr Lc 16, 14).

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome

Devi accettare la Privacy Policy prima di commentare.