Il coronavirus è mutato: alcuni ceppi infettano di più e forse sono più contagiosi.

218
Il coronavirus è mutato

Una mutazione importante  del coronavirus potrebbe averlo reso più resistente alle principali misure di prevenzione. E l’allarme è arrivato da uno studio realizzato da alcuni ricercatori statunitensi, che hanno rilevato una mutazione a partire dalla proteina ‘spike‘.

Esternamente preoccupato della scoperta è David Morens, virologo del National Institute of Allergy and Infectious Diseases (NIAID) e collaboratore di Anthony Fauci: «Se ci saranno conferme, tutto questo potrebbe avere implicazioni importanti sulla nostra capacità di controllare il virus».

I ceppi di coronavirus differiscono da quello originale emerso in Cina a fine 2019. Presentano infatti una mutazione specifica a livello della proteina S (o Spike), che secondo un nuovo studio permetterebbe al coronavirus di infettare più agevolmente le cellule umane. La variante mutata sarebbe inoltre maggiormente trasmissibile e responsabile di una carica virale più elevata nei positivi. A dirlo è un team di ricerca internazionale guidato da scienziati americani del Laboratorio Nazionale di Los Alamos.

Abbiamo creato uno nuovo spazio di PREGHIERA 🙏

Invia la tua richiesta di Preghiera

Pregate per me! Un gesto semplice che da secoli aiuta gli uomini ad illuminare la speranza per qualcosa o a ricordare qualcuno. Un gesto semplice, per dire una preghiera, per ricordare la memoria di un nostro Caro, per chiedere aiuto se si è in difficoltà, per ringraziare un grazia ricevuta … Un modo per illuminare il nostro cuore e iniziare un nuovo giorno. (Clicca su Prega per me)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome

Devi accettare la Privacy Policy prima di commentare.