Piuttosto interessante la testimonianza dell’attrice Lea Padovani. Prima di morire, l’attrice ha deciso di raccontare l’incontro che ha avuto con Padre Pio intorno alla fine degli anni 50.

Questa testimonianza è stata raccolta dallo scrittore Renzo Allegri, che ha deciso di includere nel libro intitolato “i miracoli di Padre Pio”.

Era l’anno 1957 e Lea pare fosse ai vertici della sua carriera  ed infatti in quel periodo venne contattata dal New Theatre per poter recitare in inglese nell’opera di Williams “La Rosa tatuata”.

Prima di partire sembra che l’attrice incontrò alla stazione l’uomo con il quale conviveva e in quel frangente lui le confessò di essere malato.  L’attrice però decise comunque di partire, salvo poi avere dei rimorsi  che la riportarono in Italia subito dopo.

Iniziò, dunque, al suo ritorno un vero e proprio tour tra specialisti e medici, per cercare di aiutare il suo compagno ma purtroppo la diagnosi di linfogranuloma maligno non dava alcuna speranza.

I medici erano stati piuttosto chiari, il compagno aveva soltanto 6 mesi di vita.

L’attrice decise di accompagnare l’uomo in Inghilterra, ma la risposta fu sempre la stessa.  A quel punto soltanto un miracolo avrebbe potuto salvare l’ uomo. Lea si ricordò di Padre Pio, Il frate cappuccino che da tanti anni faceva parlare di se.

L’attrice  decise di scrivere una lettera a Padre Pio spiegandogli la situazione ed ottenne un biglietto con su scritto ” il padre pregherà”.  L’attrice si recò a San Giovanni Rotondo insieme al compagno Il frate appena vide l’uomo gli disse ” vattene. Non mi risparmierò“.

Tuttavia, dopo questo incontro le condizioni fisiche del nuovo non migliorarono e così l’attrice decise di ritornare a San Giovanni Rotondo per circa 6 volte.  L’ultima volta la donna si confessò e fece presente a Padre Pio che lei non era sposata con il suo compagno, ma soltanto convivevano e pensava che questo potesse ostacolare il miracolo.

Alla fine della confessione, Padre Pio le disse “Povera illusa, non vedi che tutti ti prendono in giro?!? Non pretenderai che ti dia l’assoluzione. Vattene e svegliati“.

Molto arrabbiata durante il viaggio di ritorno,  si sfogò dicendo anche delle parole molto brutte nei confronti di Padre Pio, ma una volta tornata a casa, ripensò alle parole del Frate e capi che cosa doveva fare.

Decise così di lasciare l’uomo, se questo fosse stato salvato dal male e così dopo avere pregato in modo piuttosto intenso, le condizioni di salute dell’uomo, cominciarono a migliorare sorprendentemente.

Il male era scomparso ed i medici non riuscivano a capire che cosa fosse avvenuto.  Finì così il grande amore tra Lea e il suo compagno.

Lea da quel momento decisi di vivere secondo gli insegnamenti di Padre Pio e divenne una figlia spirituale.

Sostieni Cattolici Online ❤️ Fai la tua Donazione

Informazioni Personali

Totale Donazione: 20,00€

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome